Categoria: Mostre

Pinocchio da San Servolo in giro per il mondo
Pinocchio da San Servolo in giro per il mondo

Si inaugura sabato 16 dicembre alle ore 16.00 nell’Isola di San Servolo, alla presenza di Andrea Berro, Amministratore Unico di San Servolo s.r.l., Umberto Vattani, Presidente di Venice Interantional University e Pier Francesco Bernacchi, Presidente della Fondazione Nazionale Carlo Collodi, la mostra dedicata al più celebre burattino di legno!

Una fantasmagoria di facce nasute, che nelle loro differenza a volte grandissime, sono però tutte facce inconfondibili dello stesso personaggio amatissimo ovunque: Pinocchio.

La mostra si compone in tre sezioni: “Dai legni di Geppetto ai legni di Sigfrido Bartolini”, “Pinocchio around the world” e “Un libro d’artista: Le avventure di Pinocchio di Antonio Nocera”.

La prima sezione espone una selezione di fotografie, schizzi e disegni originali, legni incisi, prove di stampa e stampe in nero o nero e due colori selezionati per questa esposizione veneziana, tratte dal libro speciale: le Avventure di Pinocchio nell’edizione commemorativa del Centenario di Pinocchio (1981-83) illustrata dall’artista pistoiese Sigfrido Bartolini: pittore, incisore e critico d’arte con una particolare predilezione per il raccontare storie in immagini, cioè illustrare. Alcune sue opere grafiche sono esposte al Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, al Gabinetto Disegni e Stampe della Biblioteca Vaticana, alla Biblioteca Nazionale di Parigi, al museo “Albertina” di Vienna. Uno dei modi di espressione preferiti da Bartolini è stata la xilografia: creare sulla carta immagini attraverso incisioni su legno. In questa tecnica, un blocchetto di legno viene inciso a mano fino a creare un’immagine “a rovescio”, che poi si copre di inchiostro, nero o colorato, e si imprime sulla carta come fosse un timbro, pressando bene con un torchio da stampa. Una serie di sue xilografie dedicate a Pinocchio sarà esposta a San Servolo.

La seconda sezione consiste in un montaggio grafico di materiale iconografico accompagnato da brevi didascalie esplicative e di commento che documenta la fortuna del personaggio e della storia di Pinocchio nel mondo. La documentazione è disposta per aree geografiche, partendo da quelle più lontane anche culturalmente dall’Italia (Giappone) per avvicinarsi sempre più al luogo di origine dell’opera collodiana: la Toscana. Ci si è basati principalmente sull’iconografia del libro illustrato, ma non mancano oggettistica, realizzazioni artistiche e di intrattenimento (parchi disneyani, monumenti a Pinocchio), pubblicità etc. e immagini sia d’epoca che moderne dei luoghi collodiani.

La terza sezione espositiva tratta del terzo libro d’artista che Antonio Nocera  ha realizzato sul testo delle Avventure di Pinocchio. Per Nocera Pinocchio è uno dei temi centrali, a cui ha dedicato varie opere singole e tre libri d’artista. Quella del 2015 che sarà esposto a San Servolo è un’edizione preziosa fatta di carte a mano e stampata al torchio, racchiusa in una valigia da emigrante. L’opera infatti sviluppa il concetto di Pinocchio come “bagaglio” culturale che l’italiano emigrante porta con sé come una delle cose essenziali. A conferma del valore di Pinocchio come fenomeno culturale e dell’opera di Nocera, il libro si avvale di prefazioni illustri: quella di Silvia Costa, Louis Godart, Gianni Letta, Francesca Centurione Scotto Boschieri, Pier Francesco Bernacchi, ed è pubblicato in italiano e in inglese, con i testi integrali ufficiali della Fondazione Collodi.

Il libro è corredato di opere originali stampate su Carta Venezia, appositamente realizzate per questa edizione con una macchina da stampa di Fernando Masone a Venezia.

Prodotto conclusivo del progetto sarà la pubblicazione di un nuovo libro illustrato di favole Pinocchio a San Servolo che verrà presentato al pubblico sabato 10 febbraio 2018 in Isola.

Per tutto il periodo espositivo saranno poi proposti dei laboratori didattici gratuiti per famiglie e scolaresche. Per info e prenotazioni consultare il sito www.sestantedivenezia.it oppure telefonare al numero 041 2413987.

La mostra sarà visitabile fino al 13 febbraio 2018 con orario 10.00 – 17.30.

L’esposizione è allestita nell’Isola di San Servolo, sede della società San Servolo Srl, della Venice International University e del Collegio Internazionale di Ca’ Foscari. Il parco dell’isola accoglie alcune opere d’arte e installazioni permanenti acquisite nel corso degli anni: Il dono di Meilin di Han Meilin, Meridiana e Narciso di Oliviero Rainaldi, I Quattro Evangelisti di Fabrizio Plessi, La Follia di Gianni Aricò, Doppio Bifrontale di Pietro Consagra, Havel’s Place di Bořek Šípek e Babbo di Sandro Chia.


Per raggiungere San Servolo:
linea 20 Actv da San Zaccaria MVE, corse consigliate per partecipare all’inaugurazione ore 15,10 e 15,40

Info line: +39 041 2765001 / web: servizimetropolitani.ve.it oppure univiu.org

Pinocchio come forma
Pinocchio come forma

Se Pinocchio è un tema che ha suggestionato da oltre un secolo artisti e grafici di tutto il mondo (oltre 700 sono gli illustratori di Pinocchio registrati dal catalogo della Biblioteca Collodiana della Fondazione Nazionale Carlo Collodi), tanto più suggestivo può risultare per un toscano. Uno degli ultimi in ordine di tempo è Tiberio Bartolini, architetto e designer con studio a Borgo a Buggiano (Pistoia), dalla solida formazione artistica e dalle esperienze professionali più diverse che spaziano dall’oggettistica, agli interni, alla nautica.

Dopo aver realizzato di recente gli interni di un ristorante toscano dedicato a Pinocchio, il burattino e la sua immagine sono diventati per lui una simpatica “ossessione”. Così, ha realizzato, sperimentando anche tecniche diverse dagli acquerelli, alle cere, alla pittura a olio, immagini originali e rielaborazioni ispirate alle scene create da illustratori noti e meno noti delle Avventure. Una selezione di queste è esposta nella mostra “Le diverse forme di Pinocchio”, nello spazio che accoglie i visitatori (Spaccio di Rosina) dello Storico Giardino Garzoni a Collodi, dal 14 aprile all’11 giugno 2017.

Le diverse forme di Pinocchio

Acquerelli e grafiche di Tiberio Bartolini
Storico Giardino Garzoni, Spazio Accoglienza Visitatori, dal 14 aprile all’11 giugno 2017
Gratuita per i visitatori dello Storico Giardino Garzoni-Collodi Butterfly House

Pinocchio

Pinocchio in Cava
Pinocchio in Cava

1_dettaglio sogno di Pinocchio-di-S_Azzurrini

Dalla Cava Nardini di Vellano al Parco di Pinocchio
a Collodi un’esposizione di sculture in pietra serena

 Il 9 aprile 2017, alle ore 11:00, nel Parco di Pinocchio a Collodi,  si inaugura l’esposizione di 6 grandi statue in pietra serena realizzate durante il 1° Simposio Internazionale “Scultori in Cava – Vellano 2016”, organizzato presso la Cava Nardini di Vellano (Pescia) dal 4 al 14 luglio 2016; un’iniziativa che si è svolta con il patrocinio del Comune di Pescia e della Fondazione Nazionale Carlo Collodi, oltre alla partecipazione del Circolo ARCI di Vellano.
Sotto la direzione artistica e il coordinamento del M° Silvio Viola, scultori da Italia, USA e Giappone hanno lavorato sul tema “Girando intorno a Pinocchio“, assistiti da Marco Nardini, titolare della Cava.

Le 6 sculture ora esposte nel Parco di Pinocchio sono:
“Il sogno di Pinocchio” di Simone Azzurrini;
“Pinocchio sul Colombo” di Kelly Borsheim;
“Enigma – La scelta di Pinocchio” di Mariano Guerrieri;
“Fatina e lumachina” di Kumiko Suzuki;
“Lucignolo e Pinocchio” di Massimo Villani;
“Pinocchio e i Carabinieri” di Silvio Viola.

Collocate in aree destinate al relax o al collegamento tra varie parti del Parco di Pinocchio, in modo da caratterizzarle in maniera forte senza interferire con le opere d’arte che dall’origine formano il percorso del Parco, alcune di queste sculture sono pensate per poter essere anche sedili o panchine. Così, chi visiterà il Parco di Pinocchio in questo periodo si potrà sedere accanto al Pinocchio che dorme e sogna sotto i lecci, oppure immedesimarsi nel burattino di Collodi “accomodandosi” tra due Carabinieri dai baffi arcigni.

Si possono apprezzare attraverso queste opere le caratteristiche e potenzialità di un materiale che fa parte del territorio e della sua eredità storica e culturale. La produzione di pietra serena era un’attività importante nella montagna pesciatina; oggi la Cava Nardini è l’unica rimasta nel territorio provinciale di Pistoia ad estrarre questa particolare arenaria, tutt’oggi usata per rifiniture architettoniche di pregio, e con la quale sono stati costruiti, pavimentati, fortificati numerosi centri storici della zona, e gli stessi vialetti di percorrenza del Parco di Pinocchio.

L’evento si terrà alla presenza del Sindaco del Comune di Pescia, Oreste Giurlani, del Presidente della Fondazione Collodi, Pier Francesco Bernacchi, e di tutti gli scultori.