Categoria: news da FNCC

SENZA FILI- Pinocchio Street Festival a Collodi
SENZA FILI- Pinocchio Street Festival a Collodi

Le sere di venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 Agosto 2018 il paese di Collodi ospiterà la terza edizione di SENZA FILI – Pinocchio Street Festival, un kermesse di teatro, circo e musica con ospiti internazionali e performance diffuse in vari punti del paese: 50 imperdibili spettacoli serali dalle 19:00 alle 24:00. (Ingresso a offerta). 

Il programma completo degli spettacoli è disponibile online sul sito www.senza-fili.it (email: info@senza-fili.it).

I visitatori del SENZA FILI -Pinocchio Street Festival troveranno anche di che sfamarsi presso gli stand dello Street Food e con i Menù “Senza Fili” proposti dai ristoranti di Collodi (fino alle 24:00).

Il SENZA FILI- Pinocchio Street Festival, evento inserito nell’Agenda Ufficiale dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, è un progetto dell’Associazione Terzo Tempo di Pescia, organizzato in collaborazione con la Fondazione Nazionale Carlo Collodi, l’Associazione Internazionale Open Street aisbl di Bruxelles, l’Associazione Il Teatro Che Cammina di Treviso, con il contributo determinante della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, con il contributo del MIBACT, il Patrocinio della Regione Toscana, il Sostegno del Comune di Pescia, della Banca di Pescia e Cascina e la Cooperativa Flora Toscana.

Il Festival infine, ospita da quest’anno “Pinocchio Joins the Orchestra”, un piano triennale di cooperazione internazionale nel campo dell’istruzione musicale che coinvolge 4 paesi (Portogallo, Belgio, Serbia e Italia) finanziato dall’Unione Europea attraverso il programma Erasmus+ .

Leggi tutta la notizia sul sito della Fondazione Nazionale “Carlo Collodi”: http://www.pinocchio.it/fondazionecollodi/a-collodi-torna-il-pinocchio-street-festival/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Nel ventre della balena”: Edward Carey in mostra al Parco di Pinocchio fino al 2 settembre 2018. Inaugurazione il 12 luglio.
“Nel ventre della balena”: Edward Carey in mostra al Parco di Pinocchio fino al 2 settembre 2018. Inaugurazione il 12 luglio.

Quarantadue opere in mostra e un libro in uscita: questo di Edward Carey è l’omaggio di una vita di amore dedicata alla figura di Pinocchio. Nel ventre della balena è una mostra, curata da Alba Donati e promossa dalla Fondazione Carlo Collodi in collaborazione con La Milanesiana ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi e con Fenysia -Scuola di Linguaggi della Culturama è anche un libro, che esce a luglio con La nave di Teseo.

Realizzata grazie alla collaborazione con la Fondazione Meyer e con il contributo della Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, la mostra sarà  inagurata il 12 luglio a Collodi nelle sale del Parco di Pinocchio e rimarrà aperta fino al 2 settembre 2018.

Le opere in mostra sono quarantadue tra acquerelli, dipinti e sculture. Edward Carey espone gli oggetti che hanno fatto compagnia a Geppetto nella sua lunga permanenza nel ventre del pescecane come l’osso di balena su cui dipinge un cielo e che diventa la finestra da cui guardare  il mondo o la vecchia tabacchiera dove conserva una scheggia di legno del suo bambino.  La mostra, nel progetto di Valeria Ioele, riproduce il fitto buio della prigionia con gli oggetti che baluginano nella semioscurità, fino ad aprirsi sulla finestra vera che incornicia il piccolo e fiabesco paesaggio di Collodi. In mezzo, i ritratti dei personaggi chiave,  fra cui il Gatto e la Volpe, la Fata Turchina e Lucignolo in una luce crepuscolare di perdenti.

Nel ventre della balena (tradotto da Sergio Claudio Perroni) è il diario di bordo che La nave di Teseo pubblica, la cui uscita coincide con l’inaugurazione della mostra.
EDWARD CAREY, nato nel 1970 nel Norfolk, scrittore, drammaturgo, illustratore, è autore di Observatory Mansions e Alva e Irva. Le gemelle che salvarono una città, entrambi pubblicati da Bompiani. Ancora Bompiani pubblica la Trilogia degli Iremonger: I segreti di Heap House (2015), Foulsham (2015) e Lombra (2016). Nel ventre della balena esce a luglio con La nave di Teseo.
– SEDE –
Parco di Pinocchio
Telefono Fondazione: 
+39 0572 429613
Telefono Parco di Pinocchio:
+39 0572 429342
Orario apertura e chiusura inaugurazione:
18.00 – 20.00
Orario apertura e chiusura del Parco di Pinocchio durante gli altri giorni:
aperto tutti i giorni – inclusi i festivi – con i seguenti orari:
dalle ore 9.00 alle ore 20.00
Prezzo biglietti:
Interi 13€
Ridotti (5/14 anni – over 65) 11€
Junior (3-5 anni) 7€
Gruppi (oltre 20 persone) 11€
Scuole (1 insegnante gratis ogni 10 alunni) 8€
Scuole dell’ INFANZIA (1 insegnante gratis ogni 10 alunni) 7€
Ufficio Stampa
Emma Paoli
Storico Giardino Garzoni: “Le dame ed antiche dimore” di Margherita Blonska Ciardi in mostra fino al 10 luglio 2018
Storico Giardino Garzoni: “Le dame ed antiche dimore” di Margherita Blonska Ciardi in mostra fino al 10 luglio 2018

“Le Dame ed antiche dimore” è il titolo della mostra esposta allo Storico Giardino di Villa Garzoni, dal 20 giugno al 10 luglio 2018. La pittura espressionistica di Margherita Blonska Ciardi accoglierà i visitatori del giardino Garzoni, accompagnandoli in un viaggio tra paesaggio toscano e figure femminili. Luoghi e figure visti attraverso uno sguardo nord-europeo. Vaghi echi pop-art e della Lempicka,  in questa artista rapita dai nostri luoghi che generosamente restituisce in una visione ipnotica. La Fondazione Nazionale “Carlo Collodi” svela così aspetti più introspettivi e intimistici di una pittrice, architetto e appezzata curatrice di arte.

Lo Storico Giardino di Villa Garzoni è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 20. (La biglietteria chiude alle 19.15). Per informazioni: 0572/427314 – 0572/429613.

 

CENNI BIOGRAFICI – Margherita Blonska Ciardi, nata a Wroclaw, Breslavia (Polonia), vive da anni in Italia. Personalità poliedrica: all’attività professionale di architetto e docente è da sempre un’artista apprezzata e direttore artistico e responsabile organizzativo di eventi culturali di ampio spessore.

Diplomata in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze e laureata in Architettura presso Università di Firenze, con un master in Design e Bioarchitettura della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna.

Ha collaborato con la rivista culturale polacca “Biuletyn Polski” come inviata per servizi sull’arte ed architettura e lavora come esperto d’arte con il mensile culturale “La Toscana” ed “Effetto Arte”.

Ha fondato insieme con lo Studio Abba la manifestazione artistica “International Art Meeting” alla quale inoltre ha dato il nome e numerose altre rassegne come “Art & Integration”, “ Vivere l’Appenino” (come direzione artistica delle mostre d’arte).