Fondazione Pinocchio – Carlo Collodi

Arte e Cultura

Da Milano a Lucca, da Pinocchio all’Europa

Da sin.: prof. Lorenzo Franchini, prof. Gabrio Forti, avv. Remo Danovi, dott, Pier Francesco Bernacchi al convegno "Giustizia e Diritto in Pinocchio"

Da sin.: prof. Lorenzo Franchini, prof. Gabrio Forti, avv. Remo Danovi, dott, Pier Francesco Bernacchi al convegno "Giustizia e Diritto in Pinocchio"

Una giornata intensa quella del 4 maggio, all’insegna di alcune tra le nuove prospettive di azione per la Fondazione Nazionale Carlo Collodi.

Al mattino il Presidente, dott. Pier Francesco Bernacchi, ha coordinato il convegno “Giustizia e Diritto in Pinocchio“, che si è tenuto a Milano in collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Milano, le cui tematiche si sono connesse con il filone degli studi in “Law and Literature“, sviluppati principalmente nel mondo statunitense, ma da qualche anno anche in Italia.

Nell’introduzione il Presidente dell’Ordine, avvocato Remo Danovi, ha sottolineato come molte specie di reato si possano individuare nelle Avventure di Pinocchio, mentre il burattino stesso gli appare come uno dei minori vittime di vicende più grandi di loro con i quali nel lavoro legale ci si può imbattere. Il professor Lorenzo Franchini, che ha curato l’organizzazione del convegno anche come membro del Comitato Scientifico della Fondazione Collodi, ha portato l’attenzione sulla grande ricchezza di stimoli e conoscenze che il Collodi, uomo di grande cultura e visione, ha condensato nel suo capolavoro; e come la presenza di temi rilevanti dal punto dvista del Diritto sia stata già segnalata e studiata ad oggi, ma non in maniera sistematica, ed è questo un progetto di studio per la Fondazione Collodi.

Il professor Gabrio Forti da 8 anni si occupa di Giustizia e Letteratura, nell’ambito dei due filoni di questi studi: Law in Literature (cioè il tema della Legge presente nelle opere letterarie) e Law as Literature (cioè la Legge vista anche come una creazione letteraria, di arte della parola). Nel suo intervento ha sottolineato come la letteratura sia un ingrediente fondamentale nella formazione del giurista: come esercizio di discussione e come formazione linguistica. Oltre a fatti criminali di vario genere e a fenomenti di vittimizzazione secondaria, cioè una risposta distonica o non risposta della giustizia a chi è vittima, in Pinocchio si incontra forse una questione di fondo anche per la formulazione e l’applicazione delle leggi. Pinocchio tende verso il proprio meglio nella sua frenetica vicenda, oppure verso un’accettazione della propria imperfezione? Il “Legno storto dell’umanità”, dal titolo dell’intervento di Forti, riprende un’espressione kantiana che indica come da una materia imperfetta non posssa generarsi qualcosa di perfetto. Accettare positivamente questo fatto e conviverci cercando di aderire non a modelli astratti ma a soluzioni più adatte possibile al contesto è probabilmente alla base non solo di una possibile interpretazione del finale di Pinocchio, ma anche di una soddisfacente applicazione della giustizia.

L’avvocato Pier Paolo Astorina ha invece trattato tecnicamente e filosoficamente la possibilità di mentire senza rivelare automaticamente la menzogna (ciò che Pinocchio per sua natura non può fare), in relazione alla libera volontà nell’ambito delle norme che regolano l’ambito penalistico e, in prospettiva, le norme sociali. La possibilità di mentire è un elemento che distingue una “società libera” da una “società assediata”.

Una sala gremita di circa 300 professionisti ha seguito oi lavori svoltisi nell’arco della mattinata.

Nel pomeriggio, presso il Francigena Entry Point di Lucca, il dottor Bernacchi è intervenuto nel convegno “Verso il Forum Europeo di Lucca. Itinerari culturali: il sistema dei cammini toscani a favore dello sviluppo locale“, presentando sia il percorso che ha condotto all’8° Forum Consultivo degli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa 2017 a Lucca, sia il progetto della Via Europea della Fiaba.

Convegno Verso il forum europeo di Lucca 2017

Il dott. Bernacchi primo da sin. al tavolo dei relatori, con la dott.ssa Sabrina Busato, Presidente FEISCT-Federazione Europea Itinerari Storici culturali Turistici, e il dott. Alberto D’Alessandro, Direttore operativo 7° Forum Europeo di Lucca

Tagged ,

Seguici