Fondazione Pinocchio – Carlo Collodi

Le Avventure di Pinocchio

Pinocchio libro anticoLa storia e la vitalità di Pinocchio sono più che centenarie. Questo personaggio, bambino e burattino insieme, con il fascino della materia resa miracolosamente vivente, ha attraversato i decenni, i confini geografici e culturali, è trasmigrato da una forma espressiva all’altra senza perdere la specificità che lo rende riconoscibile ed amato da bambini ed “ex bambini” di tutto il mondo.

Di ciò può testimoniare la Fondazione Nazionale Carlo Collodi, grazie all’esperienza e al patrimonio culturale accumulati in una attività da 60 anni dedicata a favorire la conoscenza e promuovere la diffusione dell’opera di Carlo Lorenzini/Collodi.

Il 7 luglio 1881 iniziò la pubblicazione a puntate de La storia di un burattino di Carlo Collodi, sul “Giornale per i bambini”, uno dei primi settimanali italiani per l’infanzia.

La storia si interruppe – dopo quasi 4 mesi e 8 puntate – al capitolo XV, lasciando Pinocchio impiccato ad un ramo della Quercia Grande, e forse moribondo.

PinocchiA furor di richieste dei lettori, le puntate ripresero il 16 febbraio 1882 con il titolo Le Avventure di Pinocchio, con il quale il racconto proseguì fino al termine, nel gennaio del 1883. Subito dopo la comparsa dell’ultima puntata, Le avventure di Pinocchio uscì in volume nel febbraio dello stesso anno. Nel 1890, anno della morte di Carlo Collodi, era giunto alla quinta edizione. Da quel momento la diffusione di Pinocchio sugli allora principali mercati del libro per ragazzi, e da lì in tutto il mondo, è continua ed inarrestata.

Nel 1891 esce in Gran Bretagna, con le illustrazioni di Mazzanti, accolto da recensioni entusiastiche – un successo non da poco, raccolto nella patria del libro per ragazzi.

Negli Stati Uniti compare per la prima volta nel 1898, ma è nel 1901 si pubblica la prima edizione statunitense tradotta e illustrata da americani: Walter S. Cramp e Charles Copeland. Da questo momento, ben prima del successo mondiale del Pinocchio di Walt Disney, le avventure del burattino rappresenteranno uno dei libri cari all’infanzia di molti americani ed una tappa importante per molti illustratori.

miscellanea copertineInsieme alle edizioni inglesi, quelle americane contribuiranno alla diffusione di Pinocchio nei paesi culturalmente più distanti dall’Italia, come l’Islanda o i paesi asiatici. Nel 1905 esce in Germania, ad opera di Otto Julius Bierbaum, un rifacimento delle Avventure intitolato Zapfelkerns Abenteuer (= le avventure di Nocciolo di Pigna, Pinolo); nel 1902 si era invece pubblicata la prima edizione francese. Tra il 1911 e la Seconda Guerra mondiale si hanno traduzioni in tutte le lingue europee, e numerose nelle lingue di Asia, Africa e Oceania.

Di Pinocchio si sono prontamente impossessati tutti coloro che hanno lavorato con mezzi di comunicazione nuovi: oltre che uno stimolo creativo, sicuramente il successo del personaggio e della storia garantiscono un sostegno all’affermarsi di forme d’espressione nuove, con le quali il pubblico ha bisogno di prendere confidenza.

Così, dopo aver inaugurato un nuovo tipo di libro per ragazzi (nuovo principalmente nello spirito che lo animava) ed aver conosciuto un primo adattamento teatrale documentato nel 1899 scritto da Gattesco Gatteschi ed Enrico Guidotti per la regia di Luigi Rasi, Pinocchio fu adottato da un pioniere del cinema, il conte Giulio Cesare Antamoro che nel 1911 lo rappresentò in un film muto colorato a mano, della durata di ben 45 minuti, il cui protagonista era l’allora famosissimo attore di varietà Polydor; il film è stato ritrovato in versione quasi integrale e restaurato negli anni ‘90.

Nel 1932 Pinocchio era protagonista di un film prodotto con una tecnica sperimentale di pupazzi animati in Giappone (regista Noburo Ofuji), mentre negli anni ’30 in Italia si compirono numerosi esperimenti di produzione di lungometraggi a cartoni animati, anche a colori, sempre basati sulla storia del burattino. Anche la versione di Walt Disney, del 1940, fu l’occasione per sperimentare nuove tecniche del cinema d’animazione. Parallelamente venivano prodotte in Unione Sovietica numerose versioni sia in cartoni che in pupazzi animati della rielaborazione di Pinocchio firmata da Aleksej N. Tolstoj, La chiavina d’oro.

Al cinema, al teatro, sul web, così come nell’editoria (illustrazioni, traduzioni, adattamenti), le versioni delle Avventure di Pinocchio continuano ad essere prodotte sempre nuove, con interpretazioni, sfumature e significati che sembrano inesauribili. La forza dell’ispirazione e della verità umana che attraversa la scrittura di Carlo Collodi appare ancora ben viva.

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO – OFFICIAL

Scarica i testi ufficiali de Le Avventure di Pinocchio – Fondazione Nazionale Carlo Collodi