Nuove esperienze interattive al MIP

Collodi, 20 febbraio 2020

Il Pescecane è ancora più grande e terrificante, c’è poi da acciuffare il Grillo Parlante che saltella da una parte all’altra della parete della casa di Geppetto dove ci sarà da comporre anche la marionetta Pinocchio come dei piccoli falegnami. Dopo quindici giorni di chiusura, il Mip – museo interattivo di Pinocchio riapre sabato 22 e domenica 23 febbraio con nuovi giochi e ambientazioni ancora più ricche e suggestive.

Inaugurato lo scorso 21 dicembre, la nuova attrazione introdotta dalla Fondazione Nazionale Carlo Collodi nel Parco di Pinocchio  ha riscosso un immediato successo tra i visitatori.

Dal 5 febbraio una breve chiusura per eseguire alcuni interventi che hanno permesso l’introduzione di due nuove esperienze interattive. I lavori, conclusi nella giornata di oggi (20 febbraio) hanno inoltre reso ancora più realistico il percorso: i tronchi della bottega di Geppetto sono ora in vero legno. Nel bosco della Fata è sbocciata la primavera con erba e fiori mentre l’albero degli zecchini, che si accende dopo aver racimolato saltellando 40 monete d’oro, è diventato ancora più maestoso con monete d’oro riprodotte che  pendono dai suoi rami.

Tra le novità c’è anche l’inserimento delle lavagne interattive per conoscere la diffusione de Le Avventure di Pinocchio nel mondo e conoscere le centinaia di lingue, idiomi e dialetti in cui è stato tradotto.

Attraversando il Mip il visitatore si trasforma anche in una delle marionette di Mangiafuoco e persino nel ciuchino Pinocchio; dopo aver giocato a carte con la Fata Turchina, si arriva al Grande Pescecane. Il famelico pesce è ora ancora più grande con una pinna gigante che emerge dall’acqua. Al suo interno si sente l’eco della propria voce e alla fine si incontra finalmente il babbo Geppetto.

Il Mip è l’attrazione 2020 del Parco di Pinocchio, primo elemento del nuovo Paese dei Balocchi che sarà realizzato dalla Fondazione Nazionale Carlo Collodi in un terreno attiguo ma esterno al parco monumentale, bene artistico tutelato dalle Belle Arti. In previsione ci sono, sempre nel borgo di Collodi, anche la realizzazione di una Fattoria didattica di Pinocchio che prenderà il posto del progetto del parco degli Amici di Pinocchio.

Il parco e il Mip saranno aperti sabato 22, domenica 23 e sabato 29 febbraio. Da domenica 1 marzo inizia l’alta stagione e il parco resterà aperto tutti i giorni – anche durante le festività – fino a domenica 1 novembre 2020.

Fino al 1 marzo al Parco continueranno le attività ispirate al Carnevale e continuerà poi con tre giornate dedicate alla salvaguardia dell’ambiente, con l’adesione del Parco di Pinocchio a M’Illumino di meno, iniziativa ideata da Caterpillar, trasmissione di Radio Rai 2 . Nella tre giorni si troveranno la mostra di mailArt dal titolo “Pinocchio Save the earth”, laboratori di giardinaggio nei quali i bambini dovranno decorare un piccolo vaso dove poi dovranno piantare un piccolo bulbo che vedranno crescere, perdendosene cura a casa.  Giochi a tema.

Tutte le attività proposte sono comprese nel biglietto di ingresso al Parco di Pinocchio che si trova in via San Gennaro 5 – 51012 a Collodi (PT).

Info: parcodipinocchio@pinocchio.it – www.pinocchio.it

(Adele Tasselli)