SEC, a Roma per la collana I Classici di politica della cultura

L’Istituto Luigi Sturzo di Roma ospita la presentazione della collana “I classici di politica della cultura” a cura della Societé Européenne de culture (SEC), durante l’incontro in programma mercoledì 30 settembre dalle 15 alle 18.

Presentazione “I classici di politica della cultura” 

L’apertura dell’incontro è affidato al professore Andrea Bixio, consigliere CDA Istituto Luigi Sturzo, e al presidente della SEC e della Fondazione Nazionale Carlo Collodi, Pier Francesco Bernacchi. La sede internazionale e la biblioteca della SEC  qualche anno fa sono state trasferite da Venezia a Collodi, dove sono temporaneamente ospitate presso la sede e della Fondazione Nazionale Carlo Collodi in attesa dell’apertura della propria sede, sempre a Collodi (Pescia – PT), che ospiterà la ricca biblioteca-emeroteca specializzata. “Un ulteriore tassello del Parco Policentrico Collodi-Pinocchio, un importante contribuito all’identità europea e all’immagine internazionale che si va costruendo a Collodi” ha sottolineato Bernacchi.

L’incontro di mercoledì, introdotto e presieduto dal professor Nicola Antonetti, presidente Istituto Luigi Sturzo, sarà costellato da interventi di prestigiosi studiosi. Per “La collana dei classici” intervengono il prof. Alberto Gambino, prorettore  dell’Università Europea di Roma e condirettore della collana con il  professor Lorenzo Franchini, dell’Università Europea di Roma e condirettore della collana.

La presentazione del primo volume, dal titolo “Guido Dorso, Classe politica e classe dirigente”, spetta a prof. Francesco Barra (Università di Salerno) e dal prof. Giovanni Farese (Università Europea di Roma). Per il secondo volume: “Umberto Campagnolo, L’autre politique” gli interventi sono affidati alla dott.ssa Cosima Campagnolo, segretario generale internazionale SEC e Curatrice del volume, e dal dott. Fabio Guidali dell’Università Statale di Milano.

Sec, da Venezia a Collodi.

La Sec-Société Européenne de Culture/Società Europea di Cultura, fondata da Umberto Campagnolo – filosofo padovano, teorico del diritto internazionale e federalista europeo – nel 1950: in piena “guerra fredda” e con lo scopo di facilitare attraverso i contatti tra le persone di cultura il dialogo Est-Ovest, azione testimoniata tra l’altro dalle pluridecennali annate della rivista “Comprendre”. La Sec ha avuto fino al 2015 sede a Venezia, da dove si è irradiata in numerosi Paesi. Tra i suoi aderenti storici si possono annoverare pensatori e artisti come Theodor Adorno, Benedetto Croce, Albert Camus, Marc Chagall, Jean-Paul Sartre, Arnold Toynbee, Gyorgy Lukács, Ilya Ehrenburg.

Conclusosi un ciclo storico e di fronti ai nuove sfide di un mondo ormai globalizzato e di un’Europa unita sì ma non senza travagli, l’associazione ha intrapreso iniziative di ripensamento e riorganizzazione della propria attività. In questo quadro, lo spostamento della sede e della biblioteca da Venezia a Collodi.

Per informazioni: coordinamentogenerale@sturzo.it – fondazione@pinocchio.it